jump to navigation

Parole e musica che non hanno tempo gennaio 15, 2014

Posted by Ciao Italia in CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
trackback

Fabrizio De André 18 febbraio 1940 –  11 gennaio 1999

Cari amanti della lingua italiana, pochi giorni fa in Italia è stato ricordato l’anniversario della morte di Fabrizio De André. Un cantautore i testi delle cui canzoni sono oggi presenti nelle antologie della letteratura italiana. Personaggio di origini borghesi si rivolse alla cultura popolare e lavorò sulle crude-dure-  immagini della realtà per trasformala in poesia. Politicamente anarchico produsse dei testi contro il potere e contro la guerra. Nell’Italia fortemente politicizzata degli anni in cui visse entrò spesso in conflitto con visioni del mondo a lui vicine ma ideologicamente tuttavia diverse. Conoscere la sua storia ci aiuta a capire la storia e l’evoluzione del pensiero del nostro paese, infatti De André fu un esempio di passaggio dall’interesse  verso la cultura poetica e musicale francese  a quella dell’America  della beat generation. Ascoltare le sue canzoni ci lascia però emozioni tutte italiane perché di De André è la capacità di comunicare in piena indipendenza con mondi stranieri e ancora di De André è la capacità di ridare vigore e poesia alla nostra lingua.

Le sue canzoni sono conosciute e amate da persone di età diverse, dai settantenni ai ventenni …..e non è poco!

Su You Tube si possono trovare praticamente tutte le sue canzoni…..a voi scegliere e lasciarvi ispirare

Noi ve ne proponiamo una che ci è particolarmente cara……

Simona

Annunci

Commenti»

1. Lars Nylen - gennaio 29, 2014

Cara Simone!
Ho letto la tua cronaca di Fabrizio de André, scritta così bella. Anche a me piacciono le sue canzoni. Sopratutto il disco “La canzone di Marinella”. Me ne ricordo che a una delle lezioni abbiamo parlato di quello.
Alcuni anni fa, a Levanto, un pomerigggio quando siamo tornati all´ appartamento, c´era costruito un piccolo palcoscenico nella piazza di fronte. C´erano alcuni musicisti che ci si stavano preparando per un concerto e la musica mi è conosciuta. Era la musica di Fabrizio de André.Quella sera era un grande concerto, solo con la sua musica. Non so il nome del cantatore, ma era un uomo abbastanza robusto con i capelli grigi in coda. Avevo scattato delle foto, ma il giorno dopo ho scoperto che se fossi un fotografo morirei di fame. Altrimenti te ne avevo mandato una.

Saluti a tutti i miei “vecchie” insegnanti e avete un buon 2014!

Lars

Ciao Italia - febbraio 3, 2014

Caro Lars, che piacere sentirti! Mi fa piacere che ci accomuna non solo l’Italiano, ma anche il grande Fabrizio. Bello il tuo ricordo della piazzetta a Levanto…mi sono immaginata lì…Continua a seguirci e fai conoscere il nostro blog in Svezia. Grazie!! Simona


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...