jump to navigation

La lingua italiana e la Prima Guerra mondiale marzo 14, 2014

Posted by Ciao Italia in CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
Tags: , ,
trackback

Image

Quest’anno ricorre il centenario dell’inizio della Prima Guerra Mondiale. L’Italia è ancora oggi la terra dei dialetti. Ogni città ha sue espressioni uniche, personali accenti e modi diversi di costruire la frase. La prima Guerra, che seguì di poco più di un trentennio la nascita dello Stato italiano, si caratterizzò anche per l’improvviso ritrovarsi sul fronte di guerra di milioni di soldati che parlavano dialetti diversi. Dal punto di vista dell’esperienza linguistica fu un episodio unico e memorabile. Molti Italiani scoprirono che non parlare un’unica lingua poteva essere davvero un problema. Alla fine della Grande Guerra per l’Italia si poteva aprire la strada per la nascita di una coscienza davvero democratica anche attraverso una vera scoperta della lingua nazionale. Purtroppo però la fame e l’ignoranza dei molti fece cadere il Paese vittima di un linguaggio nazionale semplificato e retorico che produsse movimenti politici antidemocratici. Ci vorrà un’altra altrettanto terribile guerra – la Seconda Guerra Mondiale – per permettere all’Italia di creare finalmente una lingua in grado di confrontarsi con l’evoluzione democratica del resto dell’Europa.

Annunci

Commenti»

1. Paola Gagliano - marzo 17, 2014

Bel post! A volte ho l’impressione che, oggi, il linguaggio della politica sia soggetto ad una pericolosa involuzione!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...