jump to navigation

Colazione all’italiana luglio 15, 2018

Posted by Ciao Italia in CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
Tags: ,
add a comment

Cari amici e amiche del nostro blog sapete come nasce  la colazione all’italiana?

La prima guerra mondiale ha sicuramente trasformato e unito l’Italia, un paese ancora giovane composto  da mille diverse realtà regionali.
Difficile però pensare che abbia influito e unificato anche il modo di “fare colazione”.
Prima della guerra infatti in ogni singola parte del nostro paese si faceva colazione in modo diverso.
Durante la guerra invece venivano dati ai soldati la mattina latte, gallette, caffè e cioccolato per affrontare la giornata unificando così le abitudini alimentari. La colazione prendeva un cammino verso la dolcezza.
Negli ’60 con l’arrivo della televisione e quindi della pubblicità la colazione diventa un vero e proprio rito “la colazione dolce all’italiana”  per cominciare al meglio la giornata
1) Un classico pane, burro e marmellata (dolce e romantica)
2) Biscotti inzuppati nel latte (la colazione preferita dagli italiani)
3) Cappuccino e cornetto al bar ( un grande classico)
4) Latte o yogurt con cereali (adorata dai bambini e non solo)
5) Solo un caffè! Grazie (la colazione di fretta)
Adesso tocca a voi  qual è la vostra colazione all’italiana preferita?

Annunci

Estate Romana 2018 giugno 17, 2018

Posted by Ciao Italia in CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
Tags: ,
add a comment

Quest’anno la 41ima edizione dell’Estate Romana parte già dal 1° giugno e prosegue fino al 30 settembre con una ricca programmazione di cinema, musica e spettacoli all’aperto, percorsi urbani alla scoperta dei luoghi meno conosciuti della città, ma anche arte, laboratori, visite…
Dal 1 giugno  è online il sito  www.estateromana.comune.roma.it, dove è possibile consultare il programma dettagliato degli eventi.
E’ possibile seguire l’Estate Romana anche su Facebook, Twitter e Instagram.
E ricordate Roma d’estate vive di notte….

Duilio Cambellotti. Mito, sogno e realtà giugno 10, 2018

Posted by Ciao Italia in CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
Tags: ,
add a comment

Duilio Cambellotti. Mito, sogno e realtà

06/06 – 11/11/2018

Musei di Villa Torlonia, 

Casino dei Principi, Casino Nobile

Duilio Cambellotti è un artista simbolo sia pur con un’originalità tutta propria, del periodo artistico tra Liberty e Deco.
Personaggio  sicuramente eclettico : scultore, orafo, ceramista, illustratore, pittore, disegnatore di mobili, scenografo  teatrale e cinematografico, costumista, fotografo, collezionista.
Il multiforme mondi di Cambellotti si ritrova in questo periodo in una ricca mostra a Villa Torlonia
La mostra comprende  in 200 opere tutte le tappe della carriera dell’artista raccontando l’universo artistico e progettuale di Cambellotti
Incarichi teatrali, arredi per case private, gioielli, filatelia, copertine per D’Annunzio o réclame per la Fiat Balilla: la mostra racconta l’universo progettuale di Cambellotti e quella sua incessante creazione di mobili, stoffe, ceramiche e piccoli bronzi

 

Carciofi alla romana maggio 27, 2018

Posted by Ciao Italia in cucina italiana per stranieri, CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
Tags: ,
add a comment

Parliamo oggi di un tipico piatto della cucina tradizionale della Capitale
I carciofi alla romana che, insieme ai carciofi alla giudia, rappresentano uno dei piatti più famosi della tradizione gastronomica della nostra città.

Questo piatto di solito si prepara usando il carciofo romanesco: una varietà che si produce a nord di Roma nella zona tra Ladispoli e Civitavecchia.
I carciofi dopo essere stati accuratamente puliti e immersi in acqua e limone per non farli annerire vanno riempiti con una mistura di prezzemolo, mentuccia, aglio, sale e pepe
Vanno cotti testa in giù con acqua, vino bianco e olio  in una pentola abbastanza profonda in modo che ognuno sostenga l’altro e non cadano. Il livello dei liquidi deve arrivare a circa metà gambo.
Si lasciano cuocere coperti  a fuoco basso finché il liquido non evapora del tutto all’incirca per 25 minuti
e buon appetito a tutti

 

 

 

Il Roseto comunale maggio 22, 2018

Posted by Ciao Italia in CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
Tags: ,
add a comment

 

Ai piedi dell’Aventino, in primavera, si aprono i cancelli di uno dei giardini più romantici di Roma.
A maggio 1.100 specie di rose sbocciano in un trionfo di colori e profumi che rendono ancora più prezioso un posto che per natura e collocazione è già magico. Da qui, infatti, si può godere di una splendida vista sul Circo Massimo e sul Palatino dimenticandosi il traffico cittadino. Attenzione, però, il roseto per ovvi motivi di fioritura è aperto solo durante alcuni mesi primaverili

Gli esemplari coltivati al Roseto di Roma provengono un po’ da tutto il mondo: dall’Estremo Oriente sino al Sud Africa, dalla Vecchia Europa sino alla Nuova Zelanda, passando per le Americhe.
Sono presenti specie primordiali, o rose botaniche, che risalgono a 40 milioni di anni fa, molto pregiate e poco conosciute, dimorate insieme alle “rose antiche”, tutte di grande originalità e bellezza.  Passeggiando tra i viali si possono ammirare le rose Damascene che già fiorivano a Paestum e a Pompei, ancora oggi usate come base per essenze profumate, o la famose rose Galliche, le uniche nell’antichità di colore rosso e considerate sacre dai persiani.
Tra i vari esemplari di rose presenti in questo magnifico roseto incontriamo la  rosa dedicata alla fine, in Inghilterra,  della guerra delle  Due Rose: il suo fiore, quando è in boccio, è rosso come la rosa dei Lancaster, ma quando si apre è bianco come la rosa degli York le due famiglie in guerra per il trono inglese

Anche la rosa chiamata Peace ha una storia molto particolare: le talee di questo ibrido, ottenuto in Francia da Francis Meilland, allo scoppio della II Guerra Mondiale, prima che le frontiere francesi fossero chiuse, furono inviate ai vivaisti che ne avevano acquistato i diritti in Italia, in Germania e negli Stati Uniti. Proprio in America, alla fine della guerra, la stessa varietà fu posta come ornamento sui tavoli delle trattative di Pace della Conferenza di San Francisco, divenendo così il simbolo della Pace. In Italia è conosciuta con il nome “Gioia”.

Indirizzo Via di Valle Murcia, 6
Orari:    Chiude alle ore 19:30

 

Il cinema italiano a Cannes maggio 20, 2018

Posted by Ciao Italia in CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
Tags: ,
add a comment

Il cinema italiano ancora una volta riceve premi internazionali.

Questa volta è stato il Festival di Cannes conclusosi ieri a regalare al nostro cinema due grandi gioie.
 Alice Rohrwacher, già vincitrice nel 2014 come regista in questo stesso festival con il film “Le meraviglie”, ha ieri vinto il premio per la miglior sceneggiatura con il film “Lazzaro Felice”.
Mentre  nel film “Dogman” di Matteo Garrone ( anch’egli già vincitore a Cannes nel 2008 come regista  con il film “Gomorra”)  sempre ieri ha vinto il premio come miglior attore Marcello Conte.
Premi importanti questi assegnati dal Cannes 2018 a film italiani che presto andremo a vedere e che verranno proiettati in tutto il mondo.

Palazzo Merulana maggio 13, 2018

Posted by Ciao Italia in CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
Tags: ,
add a comment

Apre a Roma un nuovo spazio spazio dedicato all’arte del Novecento per la cultura del quartiere e della città.
Così si presenta palazzo Merulana Il vecchio ufficio di Igiene del quartiere Esquilino, dopo più di 50 anni di abbandono è tornato oggi a splendere dell’antica bellezza.
Si possono ammirare dipinti e sculture appartenenti alla prestigiosa collezione Cerasi principalmente dedicata alla Scuola Romana e all’arte italiana tra le due guerre
Un nuovo centro culturale e espositivo  nel cuore  di uno degli storici quartieri della Capitale

Informazioni

Palazzo Merulana – via Merulana, 121 – Roma

www.palazzomerulana.it
Apertura al pubblico da venerdì 11 maggio con orario continuato dalle 9 alle 20 per tutto il mese di maggio
ingresso libero al piano terra Sala delle sculture
Per visitare gli altri piani espositivi un biglietto speciale di Euro  4,00

 

Come nasce l’italiano moderno? maggio 5, 2018

Posted by Ciao Italia in CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
Tags:
add a comment

Cari amici del blog di Ciao Italia facciamo oggi un viaggio veloce nella storia della lingua italiana
L’italiano moderno deriva come è noto dal latino, ma non tanto dal latino classico ma dal latino volgare, quello parlato cioè  da  contadini e soldati e abitanti delle province del vasto impero romano
Questa lingua semplice parlata dal popolo è stata poi “contaminata” dalle lingue delle varie popolazioni che hanno invaso la Penisola
Da questa contaminazione linguistica con un lungo processo nascerà il “volgare” da cui poi deriva l’italiano moderno
Dante Alighieri è stato uno dei primi a sostenere che il volgare dovesse sostituire il latino, dedicando a questo tema una sua opera il “De vulgari eloquentia” (1303-1305)
Il più antico documento in cui sono presenti formule in volgare è il “Placito Capuano” una atto notarile scritto in latino  in cui compaiono però alcune  formule in volgare.
Ma la più antica testimonianza in volgare  del VI-IX è forse l’iscrizione sul muro delle Catacombe di Commodilla a Roma
In questa iscrizione un monaco invita i suoi confratelli a recitare le preghiere a bassa voce

Buon compleanno Roma aprile 19, 2018

Posted by Ciao Italia in CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
Tags: ,
add a comment

Roma compie il 21 Aprile di quest’anno  2771 anni
Per celebrare il suo compleanno la città  si veste a festa e come tutte la padrone di casa che si rispettino organizza una grande festa anzi tante feste!

 Un ricco calendario di eventi culturali, appuntamenti didattici, mostre e celebrazioni ufficiali aspettano infatti  i cittadini romani e i tanti turisti che in questo periodo affollano la nostra città.
 Il fine settimana del 21 e 22 aprile culminerà Domenica con una festa all’aria aperta in cui tutti potranno passeggiare tra piazza della Bocca della Verità e via Petroselli, zona pedonalizzata per l’occasione, e assistere a spettacoli, concerti e teatro di strada.
Sarà una festa diffusa che dalle 14.30 alle 20 trasformerà la strada in un grande teatro a cielo aperto. Percorrendo via Petroselli si potrà compiere un viaggio tra i mille volti di Roma, da quella antica di Plauto a quella immaginata da Shakespeare, da quella del Novecento – con omaggi a Sordi e Flaiano – a quella del Belli, fino alla Roma contemporanea, tra musiche popolari e giovani talenti musicali.

Domenica 22 non mancheranno  ovviamente i Gladiatori che sfileranno nelle loro lucenti armature  dal Circo Massimo

Inoltre, sabato 21 aprile i musei comunali e i “Viaggi nell’antica Roma” di Piero Angela e Paco Lanciano saranno gratuiti per tutti, mentre “L’Ara com’era” al Museo dell’Ara Pacis riserverà una promozione speciale dedicata ai cittadini romani per le giornate di venerdì 20 e sabato 21.

Roma e i romani si festeggiano festeggiate con noi!

Tagliatelle al ragù? aprile 15, 2018

Posted by Ciao Italia in cucina italiana per stranieri, CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
Tags: ,
add a comment

Cari amici del blog di Ciao Italia parliamo oggi di cucina e più precisamente di quel famoso e buonissimo sugo di carne che in Italia si chiama Ragù
Quando in Italia si parla di Ragù normalmente ci si riferisce al “ragù alla bolognese”  la salsa di carne e pomodoro cotta a fuoco lento per lungo tempo, con cui si condiscono le famose tagliatelle all’uovo fatte a mano.
Le tagliatelle  al ragù sono un classico della nostra tradizione gastronomica e da sempre apprezzate in tutto il mondo:
Ma come nasce il termine “ragù”?
L’origine della parola deriva dal francese “ragout” ovvero risveglio cioè risvegliare l’appetito e indicava degli stufati di vari ingredienti cotti molto a lungo.
In Italia è diventato il sugo di carne per eccellenza.
Durante il Fascismo la parola “ragù” troppo francese è stata  come molte altre italianizzata e si usava il termine “ragutto” che però è stato presto abbandonato e dimenticato.