jump to navigation

Scappiamo da Roma? settembre 10, 2018

Posted by Ciao Italia in CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
Tags: ,
add a comment

Cari amici e care amiche del blog di Ciao Italia
siete a Roma da molto tempo  e avete già visto tutti i musei e tutti i monumenti della città eterna e avete voglia di uscire dal traffico caotico e dalla folla di turisti che animano le piazze e le strade della Capitale?
Vi suggeriamo tre piccoli centri non troppo lontano da Roma e facilmente raggiungibili  con autobus regionali o treno.

Andiamo a:

 

Orvieto in Umbria una delle città più antiche di Italia, deve le sue origini alla civiltà etrusca: i primi insediamenti risalgono al IX° secolo a.C. e si localizzarono all’interno delle grotte tufacee ricavate nel massiccio su cui sorge attualmente la cittadina umbra.
Passeggiate per le stradine di questo piccolo gioiello dell’Italia centrale ma non perdete  il Pozzo di San Patrizio e il maestoso Duomo.

 

Tarquinia nell’alto Lazio è  simbolo dell’arte etrusca per eccellenza e cittadina medioevale di grande fascino. Con i suoi preziosi monumenti e musei, un suggestivo centro storico ed importanti siti archeologici riconosciuti patrimonio mondiale dall’Unesco, questa splendida città dalle origini etrusche, è un vero e proprio concentrato d’arte!

 

Tivoli la  più vicina a Roma
Famosa in tutto il mondo per le sue tre ville
Villa Adriana, Villa D’Este e Villa Gregoriana
Diverse profondamente tra loro ma profondamente affascinanti

Annunci

La Roma dei Re. Il racconto dell’archeologia agosto 5, 2018

Posted by Ciao Italia in CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
Tags: ,
add a comment

Una mostra indimenticabile per chi ama la storia romana  ai Musei Capitolini dal  27-07-2018 al  27-01-2019

“La Roma dei Re. Il racconto dell’Archeologia.”

Quello che sappiamo oggi della Roma dei re è molto di più quanto sapevamo 50 o 20 anni fa. Finalmente una mostra eccezionale che mette a disposizione di tutti le scoperte archeologiche e le nuove teorie storiche che negli ultimi anni hanno fatto grandissimi studiosi.
La Roma dei Re è un periodo storico molto affascinante e questa mostra ci aiuta a comprendere anche quello che siamo oggi poiché racconta lo sviluppo di una città che più di ogni altra avrebbe segnato la storia del mondo.
Questa mostra coincide anche con un periodo di sconti eccezionali che la scuola Ciao Italia mette a disposizione degli studenti dei propri corsi di italiano.

Bologna la dotta, Milano la possente…. luglio 29, 2018

Posted by Ciao Italia in CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO, geografia italiana.
Tags: ,
add a comment

Cari amici e amiche del nostro blog quali sono gli appellativi più usati per indicare alcune delle più grandi città italiane?

Torino “La valorosa” – perché è stata la culla del Risorgimento e  ha  sostenuto il maggiore sforzo bellico per l’unità d’Italia ma anche la “magica” perché la città è famosa per la magia bianca

 Genova “La superba” – bellissima e ricchissima. E’ stata per  800 anni la più importante e grande città marittima d’Europa

Bologna in latino Felsina  “La dotta” – per la sua antica università,  è per eccellenza la città universitaria d’Italia (1088 ma anche “La grassa”per l’ottima cucina dai tortellini al parmigiano…

Venezia incantevole “La Serenissima” – la città lagunare, la porta d’Oriente, mito del Buongoverno chiamata anche per la sua posizione geografica e la sua grande storia “La Regina dell’Adriatico,”

Milano ”La  possente”  – per via della nascente industria e della finanza in sviluppo che ne farà la capitale economica.
“Città meneghina”. Questo soprannome si deve alla maschera di Meneghino personaggio/maschera della Commedia dell’Arte più popolare della città

Firenze “La gentile” – la culla della lingua e delle arte, fondatrice della lingua e delle arti, principale centro della cultura in Italia dal Trecento al Settecento

Roma meravigliosa ed eterna – ha una storia di più di 2000 anni, è stata una delle città più importanti della storia antica, a Roma sono rappresentate tutte le epoche storiche-artistiche. È eterna perché eterna è la sua bellezza. Chiamata anche “Caput mundi ovvero centro/capitale del mondo
Esiste anche il detto “Tutte le strade portano a Roma” perché le arterie principali dell’Impero Romano effettivamente arrivavano a Roma stessa.

Napoli è la città più ricca al mondo di chiese, conventi ed edifici di costruiti nel corso di 17 secoli. E grazie a questa particolarità  nel XVIII secolo al capoluogo campano venne attribuito  l’appellativo di “

L’otium latino, il sabato ebreo, il weekend inglese luglio 22, 2018

Posted by Ciao Italia in CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
Tags: ,
add a comment

L’otium latino, il sabato ebreo, il weekend inglese

 

 

Colazione all’italiana luglio 15, 2018

Posted by Ciao Italia in CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
Tags: ,
add a comment

Cari amici e amiche del nostro blog sapete come nasce  la colazione all’italiana?

La prima guerra mondiale ha sicuramente trasformato e unito l’Italia, un paese ancora giovane composto  da mille diverse realtà regionali.
Difficile però pensare che abbia influito e unificato anche il modo di “fare colazione”.
Prima della guerra infatti in ogni singola parte del nostro paese si faceva colazione in modo diverso.
Durante la guerra invece venivano dati ai soldati la mattina latte, gallette, caffè e cioccolato per affrontare la giornata unificando così le abitudini alimentari. La colazione prendeva un cammino verso la dolcezza.
Negli ’60 con l’arrivo della televisione e quindi della pubblicità la colazione diventa un vero e proprio rito “la colazione dolce all’italiana”  per cominciare al meglio la giornata
1) Un classico pane, burro e marmellata (dolce e romantica)
2) Biscotti inzuppati nel latte (la colazione preferita dagli italiani)
3) Cappuccino e cornetto al bar ( un grande classico)
4) Latte o yogurt con cereali (adorata dai bambini e non solo)
5) Solo un caffè! Grazie (la colazione di fretta)
Adesso tocca a voi  qual è la vostra colazione all’italiana preferita?

Estate Romana 2018 giugno 17, 2018

Posted by Ciao Italia in CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
Tags: ,
add a comment

Quest’anno la 41ima edizione dell’Estate Romana parte già dal 1° giugno e prosegue fino al 30 settembre con una ricca programmazione di cinema, musica e spettacoli all’aperto, percorsi urbani alla scoperta dei luoghi meno conosciuti della città, ma anche arte, laboratori, visite…
Dal 1 giugno  è online il sito  www.estateromana.comune.roma.it, dove è possibile consultare il programma dettagliato degli eventi.
E’ possibile seguire l’Estate Romana anche su Facebook, Twitter e Instagram.
E ricordate Roma d’estate vive di notte….

Duilio Cambellotti. Mito, sogno e realtà giugno 10, 2018

Posted by Ciao Italia in CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
Tags: ,
add a comment

Duilio Cambellotti. Mito, sogno e realtà

06/06 – 11/11/2018

Musei di Villa Torlonia, 

Casino dei Principi, Casino Nobile

Duilio Cambellotti è un artista simbolo sia pur con un’originalità tutta propria, del periodo artistico tra Liberty e Deco.
Personaggio  sicuramente eclettico : scultore, orafo, ceramista, illustratore, pittore, disegnatore di mobili, scenografo  teatrale e cinematografico, costumista, fotografo, collezionista.
Il multiforme mondi di Cambellotti si ritrova in questo periodo in una ricca mostra a Villa Torlonia
La mostra comprende  in 200 opere tutte le tappe della carriera dell’artista raccontando l’universo artistico e progettuale di Cambellotti
Incarichi teatrali, arredi per case private, gioielli, filatelia, copertine per D’Annunzio o réclame per la Fiat Balilla: la mostra racconta l’universo progettuale di Cambellotti e quella sua incessante creazione di mobili, stoffe, ceramiche e piccoli bronzi

 

Carciofi alla romana maggio 27, 2018

Posted by Ciao Italia in cucina italiana per stranieri, CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
Tags: ,
add a comment

Parliamo oggi di un tipico piatto della cucina tradizionale della Capitale
I carciofi alla romana che, insieme ai carciofi alla giudia, rappresentano uno dei piatti più famosi della tradizione gastronomica della nostra città.

Questo piatto di solito si prepara usando il carciofo romanesco: una varietà che si produce a nord di Roma nella zona tra Ladispoli e Civitavecchia.
I carciofi dopo essere stati accuratamente puliti e immersi in acqua e limone per non farli annerire vanno riempiti con una mistura di prezzemolo, mentuccia, aglio, sale e pepe
Vanno cotti testa in giù con acqua, vino bianco e olio  in una pentola abbastanza profonda in modo che ognuno sostenga l’altro e non cadano. Il livello dei liquidi deve arrivare a circa metà gambo.
Si lasciano cuocere coperti  a fuoco basso finché il liquido non evapora del tutto all’incirca per 25 minuti
e buon appetito a tutti

 

 

 

Il Roseto comunale maggio 22, 2018

Posted by Ciao Italia in CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
Tags: ,
add a comment

 

Ai piedi dell’Aventino, in primavera, si aprono i cancelli di uno dei giardini più romantici di Roma.
A maggio 1.100 specie di rose sbocciano in un trionfo di colori e profumi che rendono ancora più prezioso un posto che per natura e collocazione è già magico. Da qui, infatti, si può godere di una splendida vista sul Circo Massimo e sul Palatino dimenticandosi il traffico cittadino. Attenzione, però, il roseto per ovvi motivi di fioritura è aperto solo durante alcuni mesi primaverili

Gli esemplari coltivati al Roseto di Roma provengono un po’ da tutto il mondo: dall’Estremo Oriente sino al Sud Africa, dalla Vecchia Europa sino alla Nuova Zelanda, passando per le Americhe.
Sono presenti specie primordiali, o rose botaniche, che risalgono a 40 milioni di anni fa, molto pregiate e poco conosciute, dimorate insieme alle “rose antiche”, tutte di grande originalità e bellezza.  Passeggiando tra i viali si possono ammirare le rose Damascene che già fiorivano a Paestum e a Pompei, ancora oggi usate come base per essenze profumate, o la famose rose Galliche, le uniche nell’antichità di colore rosso e considerate sacre dai persiani.
Tra i vari esemplari di rose presenti in questo magnifico roseto incontriamo la  rosa dedicata alla fine, in Inghilterra,  della guerra delle  Due Rose: il suo fiore, quando è in boccio, è rosso come la rosa dei Lancaster, ma quando si apre è bianco come la rosa degli York le due famiglie in guerra per il trono inglese

Anche la rosa chiamata Peace ha una storia molto particolare: le talee di questo ibrido, ottenuto in Francia da Francis Meilland, allo scoppio della II Guerra Mondiale, prima che le frontiere francesi fossero chiuse, furono inviate ai vivaisti che ne avevano acquistato i diritti in Italia, in Germania e negli Stati Uniti. Proprio in America, alla fine della guerra, la stessa varietà fu posta come ornamento sui tavoli delle trattative di Pace della Conferenza di San Francisco, divenendo così il simbolo della Pace. In Italia è conosciuta con il nome “Gioia”.

Indirizzo Via di Valle Murcia, 6
Orari:    Chiude alle ore 19:30

 

Il cinema italiano a Cannes maggio 20, 2018

Posted by Ciao Italia in CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO.
Tags: ,
add a comment

Il cinema italiano ancora una volta riceve premi internazionali.

Questa volta è stato il Festival di Cannes conclusosi ieri a regalare al nostro cinema due grandi gioie.
 Alice Rohrwacher, già vincitrice nel 2014 come regista in questo stesso festival con il film “Le meraviglie”, ha ieri vinto il premio per la miglior sceneggiatura con il film “Lazzaro Felice”.
Mentre  nel film “Dogman” di Matteo Garrone ( anch’egli già vincitore a Cannes nel 2008 come regista  con il film “Gomorra”)  sempre ieri ha vinto il premio come miglior attore Marcello Conte.
Premi importanti questi assegnati dal Cannes 2018 a film italiani che presto andremo a vedere e che verranno proiettati in tutto il mondo.