jump to navigation

Un nuovo corso a Ciao Italia giugno 14, 2017

Posted by Ciao Italia in Italian song.
Tags: ,
add a comment

GUIDA ALL’ASCOLTO DELL’OPERA LIRICA ITALIANA

Durante gli incontri analizzeremo alcuni pezzi d’opera da Rossini a Puccini: ci sarà l’introduzione all’autore e alle opere, ascoltando e vedendo alcune opere.

E’ necessaria una conoscenza minima dell’Italiano livello A2/B1

1 lezione – 2 ore – 26 Euro l’ora x 2 = 52 Euro

PROGRAMMA

4 LUGLIO ore 17-19

Giacomo Puccini e la musica del 900 “Gianni Schicchi (1918)”

14 LUGLIO ore 17-19

Ruggero Leoncavallo e la Rappresentazione Verista “Pagliacci (1982)”

21 LUGLIO ore 17-19

Giacomo Puccini e l’omaggio a Roma “Tosca (1900)”

25 LUGLIO ore 17-19

Giuseppe Verdi e l’Opera storica “Nabucco o Nabucodonosor (1842)”

 

 

 

 

 

 

 

LUCA BARBAROSSA: la canzone “Roma spogliata” febbraio 21, 2014

Posted by Ciao Italia in CURIOSITA' PER STRANIERI CHE STUDIANO L'ITALIANO, Cursos de língua Italiana, Итальянские языковые школы в Риме, Italian, Italian language school, Italian song, Italienisch in Rom studieren, língua Italiana.
Tags: ,
add a comment

In questi giorni di febbraio 2014 in cui a Roma i politici decidono per l’ennesima volta del futuro dell’Italia, abbiamo pensato di far ascoltare agli stranieri amanti del nostro paese questa conosciutissima canzone del 1981 scritta e cantata dal cantautore romano Luca Barbarossa.

Puttana, spogliata, fatata, venduta, nascosta, incantata, svampita, ingannata, stregata. Sono questi gli aggettivi con cui viene descritta la città. Una città sprovveduta e allo stesso tempo lussuriosa. Ingannata dalla storia ma con un’anima grande e paziente. E dopo più di trenta anni dal testo di questa canzone ancora di più vittima e carnefice della storia del nostro paese.

Ecco il testo,completatelo con le parole mancanti.

Dab di di di da Dab da da da da
Quell’inverno l’ ……….. di caffe’ negli autobus era di rito
e la pioggia non cadeva giu’ per caso ne’ per ……..

nei cinema Hollywood cantava la ………un po’ bagnato
guardavo per la strada la ……..mia.
Roma ……….. quattro dischi, un gatto, una serata strana.
Roma ………dei suoi tanti amori, dei suoi vecchi fiori
Roma …………lasciami cantare una serenata
Nelle macchine appannate dai discorsi sul ……..

i bambini disegnavano spauriti i loro ……..

e i tedeschi vestiti come al …….

fan tremare le signore coperte di …….. sempre piu’ rari.
Roma ………per due soldi a una vecchia americana
Roma ……….sotto il fumo nero dei nostri cannoni
Roma………, lasciami suonare una serenata Quell’inverno,
quell’inverno se la mente non m’inganna era d’estate

 chiama i giri che le quattro anche stanotte sono arrivate.
Roma ……..quante volte son partito e ritornato Roma mia……..,
occhi tristi che non m’hanno abbandonato.
Roma…………., calze a rete tacchi a spillo e un po’ di vita
Roma ………..dai suo tanti amori, dai suoi vecchi fiori
Roma……………., lasciami cantare una serenata
Roma spogliata lasciami cantare una serenata.
Dab di di di da Dab da da da da Dab di di di da Dab da da da da